Richiedi Nuovo Account    
   
 
   
 
   
Username Password
MERIDIANA IMMAGINI - AGENZIA FOTOGIORNALISTICA

Mostre Discovery the Other Italy Bondeno un anno dopo il sisma I volti del soccorso Il Compianto Colonica I colori della festa A Rimini
COLONICA014

Colonica

fotografie di Paolo Righi

La mostra si compone di 49 fotografie, in bianco e nero, stampa digitale lambda,
dimensioni cm. 30 x cm. 45, montate su forex 3 mm.
La mostra è disponibile per il noleggio

   

(...) Poche parole hanno un significato variabile come paesaggio. Non è semplice (e forse nemmeno utile) cercare una definizione precisa.
Mi piace invece pensare ad un rapporto dinamico fra
landscape cioè paesaggio e inscape - termine inglese che non trova una corrispondenza nella lingua italiana – che ha il significato di paesaggio interiore, sentimento condiviso dall’individuo e dalla collettività. La presenza dell’osservatore diventa indispensabile: chi guarda riconosce il paesaggio alla luce del proprio bagaglio culturale, lo specchio che riflette le radici dei singoli e delle comunità, meccanismo dinamico che mette in gioco sensibilità, cultura, capacità e modi di vedere. Il paesaggio come manifesta sostanza di una lunga storia.

Le case coloniche abbandonate sono oggetto dell’indagine di Paolo Righi, lungo una zona geografica ben precisa, fra Calderara di Reno ed Argelato, fa il 1998 e il 2005. Queste case, spesso ridotte a ruderi, raccontano una storia nota: l’abbandono delle terre, la scelta della città e del lavoro in fabbrica.
Paolo Righi si avvicina per capire, per ricordare, per appartenere.
Osserva con attenzione e sensibilità i segni impressi dalle attività dell’uomo. Evidenzia il degrado delle strutture, ma nello stesso tempo anche l’organizzazione degli spazi e le particolarità come le tecniche di costruzione, le texture dei materiali, gli sviluppi architettonici. E poi gli oggetti, riposti e mai più toccati dopo il loro ultimo uso, oppure abbandonati in mezzo all’aia, quasi a simboleggiare una fuga precipitosa. E una natura che lentamente si riappropria delle aree, nasconde le forme e ridisegna i profili e i paesaggi (...)

Giuseppe Pazzaglia
(da "Quaderno Artisti e Territorio 2006. Paolo Righi e Daniele Lelli", Comune di Argelato / Voli soc. coop.)

LIBRI_0320

 

 COLONICA001


COLONICA002  COLONICA003 
COLONICA004


COLONICA005 COLONICA006
COLONICA007


COLONICA008 COLONICA009
COLONICA010 COLONICA011


COLONICA012
COLONICA013


COLONICA014 COLONICA015
COLONICA016


COLONICA017 COLONICA018
COLONICA019


COLONICA020 COLONICA021
COLONICA022 COLONICA023


COLONICA024
COLONICA025


COLONICA026 COLONICA027
COLONICA028


COLONICA029 COLONICA030
COLONICA031


COLONICA032 COLONICA033
COLONICA034

COLONICA035 COLONICA036


COLONICA037 COLONICA038


COLONICA039
COLONICA040 COLONICA041


COLONICA042
 COLONICA043













 
COLONICA044